Quaderni SoZooAlp
  • Quaderno 0: Greggi, mandrie e pastori al servizio del territorio
  • Quaderno 1: Il sistema delle malghe alpine. Aspetti agro-zootecnici, paesaggistici e turistici
  • Quaderno 2: L'alimentazione della vacca da latte al pascolo
  • Quaderno 3: Quale zootecnica per il latte per la montagna alpina
  • Quaderno 4: L'allevamento ovino e caprino nelle Alpi
  • Quaderno 5: Benessere animale e sistemi zootecnici alpini
  • Quaderno 6: Zootecnia e montagna: quali strategie per il futuro?
  • Quaderno 7: Sistemi agro-zootecnici biologici ed eco-compatibili in ambiente montano
  • Quaderno 8: I formaggi protagonisti della zootecnia alpina
  • Quaderno 9: Tutela e promozione dei territori alpini: il ruolo dell'allevamento

QUADERNO SOZOOALP N. 4 - 2007

L'ALLEVAMENTO OVINO E CAPRINO NELLE ALPI
Tra valenze eco-culturali e sostenibilità  economica

Il quaderno SoZooAlp n. 4 raccoglie i lavori presentati al Convegno SoZooAlp L’allevamento ovino e caprino nelle Alpi: tra valenze eco-culturali e sostenibilità economica tenutosi dal 26 al 29 ottobre 2006 in alcune località  della Valle Stura di Demonte (Cuneo). L’evento è stato organizzato dal Direttivo SoZooAlp in collaborazione con la Comunità  Montana Valle Stura di Demonte (CN), l’Ecomuseo della Pastorizia e RARE (Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione), il Consorzio l’Escaroun (per la Valorizzazione della Razza ovina Sambucana), con il Patrocinio della Facoltà  di Agraria e del Corso di Laurea Interfacoltà  in Scienze e Turismo Alpino dell’Università  degli Studi di Torino.

L’allevamento degli ovini e dei caprini può essere sicuramente considerato come una primaria attività  zootecnica praticata nelle regioni alpine, che ha dato origine a società  pastorali, nomadi o stanziali. Molti ambienti grazie alla pastorizia non sono stati abbandonati dall’uomo che ne ha potuto così preservare il fragile equilibrio ambientale e idrogeologico. Nonostante varie fluttuazioni, l’attuale consistenza del patrimonio ovi-caprino non è dissimile da quella di un secolo fa, con la differenza che è diminuito il numero di allevamenti, ma è aumentato il numero medio di capi allevati in ogni azienda. Inoltre, per poter godere di un reddito paragonabile a quello di altri settori zootecnici, l’allevatore di ovi-caprini ha dovuto mettere a punto e utilizzare tecnologie nuove, che permettono di praticare l’attività  anche in zone più disagiate, e questo con diverse implicazioni di carattere sociale e ambientale.

Nelle regioni dell’arco alpino i sistemi zootecnici con piccoli ruminanti rappresentano ancora oggi una interessante realtà  per i risvolti produttivi, ecologici e di protezione della biodiversità  animale. Proprio il ruolo multifunzionale di questa tipologia di allevamento è stato recentemente manifestato da interessanti esperienze locali, anche descritte in questa raccolta di relazioni presentate al Convegno organizzato dalla SoZooAlp.

Cerca nel sito  
ricerca avanzata  

Indice del quaderno
scarica

Quaderno completo
scarica

Singoli contenuti
sfoglia l'elenco sottostante

Sistemi ovicaprini nelle alpi occidentali: realtà  e prospettive
Battaglini L.M.
scarica

I sistemi di produzioni ovicaprini nelle alpi lombarde. La situazione attuale alla luce della loro evoluzione storica e del loro ruolo socioterritoriale
Corti M.
scarica

Analisi del valore culturale delle razze caprine dell’arco alpino italiano
Panzitta F., Corti M., Rizzi R., Brambilla L.A., Montironi A., Gandini G.
scarica

L’allevamento ovino e caprino sulla montagna del Friuli Venezia Giulia
Loszach S., Menegon S., Pastore E., Bovolenta S.
scarica

Dai principi all’azione riguardo all’agricoltura sostenibili: il memorandum alpino del progetto IMALP
De Ros G.
scarica

Indici foraggeri di specie legnose ed erbacee alpine per il bestiame caprino
Gusmeroli F., Della Marianna G., Puccio C., Corti M., Maggioni L.
scarica

Circuiti di foraggiamento, selettività  e qualità  dei prelievi in capre al pascolo in comprensori pastorali della fascia subalpina
Puccio C., Gusmeroli F., Della Marianna G., D’Angelo A.
scarica

Interazioni spaziali e alimentari tra capre ed altri erbivori nelle alpi centrali
Mattiello S., Heroldovà  M., Homolka M., Kamler J., Ghezzi C., Andreoli E., Redaelli W.
scarica

Un modello a supporto delle attività  maghive nelle alpi orientali
Venerus S., Dovier S., Pasut D., Bovolenta S.
scarica

Profilo acidico del latte in differenti razze ovine allevate nell’areale alpino occidentale
Ighina A., Guaraldo P., Zuccon M., Lussiana C., Battaglini L.M.
scarica

Sempione, vallesana e alpina comune: le potenzialità  di salvaguardia del patrimonio caprino locale in Ossola (Piemonte-V.C.O.)
Brambilla L.A.
scarica

Filiera corta della capra da latte in Valtellina e val Poschiavo: i formaggi e i consumatori
Noé L., D’Angelo A., Gaviraghi A., Gianoncelli C., Markovi A.
scarica

L’allevamento ovi-caprino in Europa e in Italia con particolare riferimento all’arco alpino
Paoletti R., Aceto P.
scarica

Valutazioni sullo stato di tutela delle razze caprine alpine locali italiane
Brambilla L.A.
scarica

Capre autoctone in Trentino: la bionda dell’Adamello
Pirola M., Milone L., Brambilla L.A.
scarica

Capre autoctone in Trentino: La pezzata Mochena
Pirola M., Corti M., Glisenti B., Milone L.
scarica

Le vie della pastorizia: una guida per la valorizzazione zootecnica, paesaggistica, culturale ed economica dei territori alpini
Grassino E., Fortina R., Grandin L. Battaglini L.M.
scarica

L’allevamento ovicaprino tra la salvaguardia della biodiversità  e la conflittualità  con i grandi predatori
Zaccheo A.
scarica

Sguardi sul territorio alpino
Salsa A.
scarica

L’Ecomuseo della pastorizia
scarica

Le razze ovine e caprine nell’arco alpino
scarica